Giorno Comunicazione
31 maggio Prime impressioni tecniche:
gli ultimi strascichi della mentalità da gara:
già prima di Tuglie avevo una velocità massima di 45 Km/h e la terza ora ho portato una velocità media di oltre 26 Km/h. Nel complesso va bene così.
01 giugno Fine tappa 1 giugno è località masseria Piccardi, tra Margherita di Savoia e Manfredonia. Km percorsi 169
05 giugno Da Campobasso: tra perturbazione, altitudine e ciclo diurno, meglio aspettare il bel tempo per ripartire, anche perchè con la prossima tappa voglio andare ancora più "in quota". Intanto in questi giorni in Molise c'è l'allerta della Protezione Civile e Campobasso è la città più fredda d'Italia.
10 giugno Per chi fosse interessato di fotografia in questi mesi a Roma c'è molto da vedere. Io oggi ho visto "La liberazione di Roma nelle immagini degli archivi alleati", aperta fino al 5 settembre presso il Vittoriano. E poi c'è una serie di mostre (www.fotografiafestival.it) delle quali ho visto "Italia doppie visioni. Venti grandi fotografi raccontano il nostro paese", presso le Scuderie del Quirinale. Molto interessanti entrambe.
12 giugno Maggiore altitudine raggiunta oggi: 850 mt. Dei Monti Cimini, 11 Km prima di Viterbo.
13 giugno I miei vicini di tenda Olandesi di ieri sera erano per l'equipaggiamento pesante. Vanno in giro con circa 19 - 20 Kg di bagagli ciascuno (contro i miei 13). Certo loro avranno un'attrezzatura più completa ma mi dicevano che fanno circa 80 Km al giorno. Alla fine comunque ognuno ha le sue buone ragioni per scegliere il suo equipaggiamento.
13 giugno Nella tappa di oggi mi sono fermato da un grosso costruttore di bici da corsa (per curiosità). Il suo commento, detto e ripetuto, quando gli ho spiegato cosa facevo, è stato: "Io non invidio gli Agnelli (quelli vivi, spero, ndr), invidio te"
Poi verso Marina di Carrara ho incrociato Alessadro Petacchi. Un ciclista del posto, con cui ero in quel momento, mi ha detto che è normale vedere che si allena su quella strada, abita li vicino.
17 giugno La Liguria in bici è tanto bella quanto dura.
19 giugno Sono da Pier Carlo.
Lui e Marco (tappa di Genova) sono le due persone conosciute in Corsica due anni fa.
Il primo tempo è finito. Dopo questo breve intervallo il viaggio riprende, questa volta insieme a lui. Le prime tre quattro tappe saranno subito molto interessanti. Meglio di così
19 giugno A questo punto entro in scena io, Pier Carlo, devo dire la realtà, quando l'idea di P.P. del viaggio Francia Spagna mi è giunta, non c'è voluto molto tempo a capire che sarei stato della compagnia.. D'altronde il cicloturismo è nel sangue da anni, oltre al kayak.
Il percorso fatto da P.P. in Italia, io l'ho compiuto 9 anni fa, sinceramente in 'discesa' devo ammetterlo. Però i km erano quelli.: Sanremo-Agrigento.
Ora spero che riesca a reggere il ritmo infernale del soggetto, gli anni pesano più di una borsa da bici...
Si apre il sipario sul secondo tempo, entra in scena un nuovo attore, sento già l'applauso della platea...
Arrivederci a tutti gli amici di P.P. che a questo punto, sono anche i miei amici. Ciao.
20 e 21 giugno Tanti centri per VIP, specie il primo giorno, qualcosa di bell' c'è ma nel complesso sensazione agrodolce.
Per il resto tanto, tanto vento, sempre forte e in faccia. Ora ci aspetta Marsiglia con il suo porto...
26 giu Non ci sembra vero ma siamo arrivati in Spagna, e senza una goccia di pioggia, da quando siamo all'estero.
Piccola notazione tecnica: sono stato piu' veloce io ad attraversare la Francia in bici che Wind a ricaricarmi il cellulare tramite Lottomatica (soldi spesi a San Remo il 19 giugno): e' quasi una soddisfazione. Per chi non lo sapesse: le grandi aziende lavorano per loro, mica per noi (scoperta dell'acqua calda). Comunque l'importante e' che siamo in Spagna, anche se abbiamo avuto molto vento contrario, ma questo non importa. Buenas dias a todos.
   

Hit Counter